Italia – Il Garante della Privacy ce l’ha coi giganti del Web: “UE difenda la riservatezza dei cittadini”


Soro-PrivacyAntonello Soro, il Garante della Privacy italiano, interviene in Parlamento. Ce l’ha coi colossi del Web.

Il potere dei giganti della rete “non può più essere ignorato, così come non sono più accettabili le asimmetrie normative rispetto alle imprese europee che producono contenuti o veicolano servizi”, dice nella sua prima Relazione annuale al Parlamento. Il riferimento ad aziende come Google e Facebook è diretto. L’Italia, dunque, invoca l’Unione Europea.

“Nell’epoca della connessione continua si diffonde il mito della trasparenza assoluta che elimina ogni opacità. Internet dilata la richiesta e la pretesa di essere informati, in nome del principio per cui nulla dovrebbe sfuggire alla comunità”, sostiene Soro. Continuando: “Non necessariamente trasparenza totale significa verità e la riservatezza non è sempre invocata per nascondere qualcosa in modo deprecabile: essa è comunque requisito fondamentale nella politica come nel privato”. 

“L’UE difenda la riservatezza dei cittadini”, conclude il Garante.

Scritto il


Sei membro del forum? Vuoi scrivere anche tu su NEWS Blog gt
Chiedilo a @giorgiotave