Pianeta verde: ecco l’energia idroelettrica e le biomasse


Puntare verso un futuro sostenibile penso sia la giusta strada da percorrere se vogliamo tutelare e rispettare la Natura che ci circonda. Oggi parliamo di due tipologie di energia rinnovabile e pulita: l’idroelettrico e le biomasse.

Energia idroelettrica

È quel tipo di energia che sfrutta la trasformazione dell’energia potenziale gravitazionale (posseduta da masse d’acqua in quota) in energia cinetica nel superamento di un dislivello: questa energia cinetica viene trasformata, grazie ad un alternatore accoppiato ad una turbina, in energia elettrica.

diga

L’energia idroelettrica viene ricavata dal corso di fiumi e di laghi grazie alla creazione di dighe e di condotte forzate. Esistono vari tipi di diga: nelle centrali a salto si sfruttano grandi altezze di caduta disponibili nelle regioni montane, nelle centrali ad acqua fluente si utilizzano invece grandi masse di acqua fluviale che superano piccoli dislivelli.

Rappresenta una fonte di energia pulita (non vi sono emissioni) e rinnovabile, tuttavia la costruzione di dighe e grandi bacini artificiali, con l’allagamento di vasti terreni, può provocare lo sconvolgimento dell’ecosistema della zona con enormi danni ambientali: sedimentazione eccessiva nelle acque a monte della diga, erosione di quelle a valle, diminuzione della pesca lungo il fiume, interruzione dei percorsi di risalita di alcune specie di pesci.

Biomassa

Il termine biomassa è stato introdotto per indicare tutti quei materiali di origine organica (vegetale o animale) che non hanno subito alcun processo di fossilizzazione e sono utilizzati per la produzione di energia. Pertanto tutti i combustibili fossili non possono essere considerati come biomassa.

energia da biomasse

Le biomasse rientrano fra le fonti rinnovabili in quanto la CO2 emessa per la produzione di energia non rappresenta un incremento dell’anidride carbonica presente nell’ambiente. La più antica biomassa utilizzata per la produzione di energia è la legna. Oggi assistiamo all’utilizzo di molteplici prodotti organici per la produzione energetica alcuni, come la legna, utilizzabili tal quali, altri invece necessitano di alcuni trattamenti che possono semplici o complessi.

Esistono delle problematiche: le biomasse non sono disponibili in ogni momento dell’anno, la loro produzione avviene su aree estese, produzione di grandi quantità di inquinanti e il rendimento energetico basso.

Scritto il


Sei membro del forum? Vuoi scrivere anche tu su NEWS Blog gt
Chiedilo a @giorgiotave