Repubblica.it diventa a pagamento nel 2013


“Penso che il futuro dell’editoria sia la Carta e il Digitale, per noi il sito di Repubblica già produce utili, e penso che nel corso del 2013 diventerà a pagamento sullo schema del New York Times”. Lui è Carlo De Benedetti, ospite nella serata di ieri della trasmissione “Otto e Mezzo“, su La7.

La scelta è chiara. Inedita per l’Italia, ma chiara. Republica.it diventerà a pagamento e gli utenti, per accedere ai contenuti, dovranno creare un profilo ed effettuare dunque un esborso monetario.

“Noi percorriamo la nostra strada, se gli altri la vogliono seguire lo facciano, è molto triste vedere gli altri gruppi editoriali perdere del denaro”, ha aggiunto poi lo stesso De Benedetti. Perché, a dirla tutta, Repubblica è il primo gruppo a muoversi in questo senso, con una scelta che se a primo impatto può essere giudicata rischiosa, sull’altro versante potrebbe invece mutare le tendenze della grande informazione italiana sul web.

Cos’è, dunque, il modello avviato dal New York Times? Agli utenti viene garantito l’accesso gratuito ad una cifra iniziale di articoli, diminuita col tempo, col diffondersi del modello di business. In ogni caso, l’accesso completo a tutti i contenuti è comunque a pagamento. Se nel nostro Paese la cosa possa funzionare, è tuttavia da vedere.

La faccenda andrà gestita anche con Google. Dell’indicizzazione delle notizie e del rapporto con GNews si è parlato tanto nei giorni scorsi. Big G dovrebbe indicizzare, in questo caso, esclusivamente una parte dei contenuti (quella gratuita), mentre per proseguire con la lettura e la fruizione di eventuale video e materiale multimediale, sarà appunto necessaria la creazione di un profilo e dunque un costo.

Molti punti, comunque, sono ancora oscuri nella rivoluzione di Repubblica.it orientata al paywall: quale sarà il prezzo d’accesso ai contenuti? Quale sarà il limite gratuito per i navigatori ‘standard’? E così via.

Repubblica.it ha aperto la strada. Prende il rischio, prima degli altri.

Voi che ne pensate?

Scritto il


Sei membro del forum? Vuoi scrivere anche tu su NEWS Blog gt
Chiedilo a @giorgiotave