Privacy: l’UE agirà contro Google


Unione Europea

Google sbaglia, Google paga. Così la pensa l’Unione Europea, che agirà con decisione. Intenti chiari dai vertici del Vecchio Continente. Perché a Mountain View non rispettano, attraverso la policy adottata, la Privacy degli utenti europei.

La segnalazione è arrivata nell’ottobre 2012, per mano dell’Article 29 Working Party. La chiamano direttiva 95/46/EC e Google non ne ha ancora rispettato i termini. Per questo motivo l’UE nel giro di pochi mesi agirà nei confronti dell’azienda americana, a seguito della dichiarazione d’intenti firmata da tutti i garanti per la tutela dei dati personali d’Europa.

“L’azione congiunta di tutti i Garanti europei nei confronti di Google mira ad affermare l’esigenza del rispetto della riservatezza dei cittadini europei anche da parte dei Big delle Rete e dalle imprese che operano nel settore delle comunicazioni elettroniche ovunque siano stabilite”, ha detto Antonello Soro. Lui è il Garante italiano e Presidente dell’autorità responsabile.

Nelle sue dichiarazioni ufficiali ha continuato: “È un’azione importante per salvaguardare non solo i cittadini, ma anche le imprese europee. Nel caso in cui non si riuscisse a far in modo che Google si adegui alle indicazioni delle Autorità di protezione dati e non modifichi la sua privacy policy per mettersi in regola con le norme che si è data l’Unione in materia, si determinerebbe infatti una situazione paradossale nella quale le imprese europee, che tutelano maggiormente i cittadini in quanto tenute al rispetto di obblighi rigorosi, sarebbero penalizzate rispetto agli Over the Top, come Google”.

L’obiettivo dell’Unione Europea, dunque, è quella di portare le aziende ‘top’ degli USA a rispettare i regolamenti europei. Non ci sarebbe, in tal caso, esempio migliore di Google. Che la battaglia (legale) abbia inizio.

Scritto il


Sei membro del forum? Vuoi scrivere anche tu su NEWS Blog gt
Chiedilo a @giorgiotave