Banda Larga: dal Governo stanziati 20 milioni


LettaUna spesa autorizzata di 20,75 milioni di euro. A fronte degli 800 originari e per coprire il buco di un fondo prosciugato. Sono i numeri, le cifre e gli scenari della Banda Larga in Italia, a seguito della decisione del Governo di rifinanziare il fondo destinato, appunto, al miglioramento delle infrastrutture per Internet nel nostro paese. È il famoso “Piano Banda Larga Nazionale“, quello di cui si parla.

Per il completamento del Piano nazionale banda larga, definito dal ministero dello Sviluppo economico – Dipartimento per le comunicazioni e autorizzato dalla Commissione europea (aiuto di Stato n.SA.33807 (2011/N)-Italia) è autorizzata la spesa di 20,75 milioni di euro per l’anno 2014.

Questo il testo nell’ambito della disposizione del Governo, più precisamente del Ministero dello Sviluppo.

“Dobbiamo recuperare questi 20 milioni tagliati per necessità alla banda larga. Troveremo la copertura nella legge di stabilità”, ha dichiarato il vice ministro allo Sviluppo Economico, Antonio Catricalà.

Mentre uno studio di Ericsson rivela come la Banda Larga abbia un impatto diretto anche sul reddito familiare. Il Sole 24 Ore ne parla.

Saranno 20,75 milioni. È tutto? Non è dato saperlo. Sicuramente non è abbastanza per pensare di portare il Belpaese all’avanguardia. Alla pari degli altri. Letta, il Presidente del Consiglio, ha assicurato: è un primo rifinanziamento. Sulla Banda Larga, e non solo, l’Italia continua a vivere di promesse. Perlopiù non mantenute, a dirla tutta.

Scritto il


Sei membro del forum? Vuoi scrivere anche tu su NEWS Blog gt
Chiedilo a @giorgiotave