Agenda Digitale: dall’Europa il monito al Parlamento italiano


Kroess

Le dimissioni del capo del Governo, Mario Monti. Le vicende politiche di un’Italia sempre più provata, abbattuta.

Basta poco – si fa per dire – perché anche l’Agenda Digitale, il piano per la ‘riqualificazione’ tecnologica del Bel Paese, si ritrovi a rischio. Mancata approvazione, ecco la possibilità. Se non dovesse arrivare entro il 18 Dicembre prossimo da parte della Camera, salterebbe totalmente. Se siete tra quelli che non c’hanno mai creduto, all’Agenda Digitale, forse avevate ragione.

Una cosa è certa. All’Europa l’eventualità di una mancata approvazione da parte dei nostri politici, non è piaciuta. Tutt’altro. Neelie Kroes è il vice Presidente della Commissione UE. Ha parlato, ha scritto. E non ci è andata giù leggera.

“Sarei sconcertata se i recenti eventi politici comportassero che l’Agenda Digitale italiana non possa essere approvata formalmente dal Parlamento”, ha detto la Kroes.

La stessa rappresentante dell’UE si è mossa su Twitter. Si è rivolta ai giovani, agli italiani in italiano. Ha scritto in italiano, ha parlato di #AgendaDigitale.

E ancora, poco dopo:

Ma non solo. La Kroes ha scritto anche una lettera ai parlamentari italiani, che ha già fatto il giro del web.

Caro / Cara amica,

Colgo l’opportunità di scriverLe in quanto gli eventi recenti mi portano a preoccuparmi seriamente sulle prospettive dell’ Agenda Digitale italiana.

Nel settore digitale, l’Italia ha sempre avuto grande potenziale e qualche riguardevole successo. Vala la pena ricordare la creatività delle sue industrie dei contenuti ed il grande successo nell’uso dei dispositivi mobili come gli smartphone. Eppure l’Italia ha anche una sfida importante con cui confrontarsi per garantire che ogni italiano possa approfittare pienamente delle opportunità del digitale. Mi sorprende constatare che circa il 40% degli italiani non ha mai usato Internet. In un momento in cui l’economia digitale in Europa sta crescendo sette volte più velocemente del resto dell’economia tradizionale, non possiamo permetterci questo divario.

È per questo motivo che sono alla ricerca del Suo sostegno e che Le chiedo il suo supporto per mobilitare le forze politiche per l’approvazione del Decreto Crescita 2.0 che contiene norme essenziali ed indifferibili per l’attuazione dell’Agenda Digitale Italiana. Le sarei veramente grata se condividesse il suo sostegno e appoggio anche attraverso i suoi canali online di comunicazione come i social media.

L’agenda digitale italiana è al di sopra della politica; non si tratta di una questione di parte, è un passaggio vitale per assicurare l’adozione di un approccio integrato nel campo delle politiche di crescita Italia, così vitale per il futuro di tutti gli Europei. Non si può dilazionare ulteriormente l’approvazione di una legislazione necessaria a colmare il grave ritardo dell’Italia rispetto ai Paesi piú virtuosi d’Europa.

Spero che lei sia d’accordo sull’importanza che questo slancio riveste per l’Italia e l’Europa.

Come ne uscirà l’Italia, non è chiaro.

Antonio Palmieri, deputato della commissione Cultura e responsabile Internet del Pdl, ha assicurato: approvazione questa sera. Vedremo.

Scritto il


Sei membro del forum? Vuoi scrivere anche tu su NEWS Blog gt
Chiedilo a @giorgiotave