Istat: su Internet il 55% degli italiani


www-italia

“Nel 2012 rimane stabile rispetto all’anno precedente la quota di famiglie che dispone di un accesso a Internet (55,5%) e di un personal computer (59,3%), mentre aumenta quella delle famiglie che accede al web mediante la banda larga (dal 45,8% al 48,6%)”.

Rimane stabile la percentuale di italiani che si connettono a Internet
Poco più della metà dei cittadini, secondo l'Istat, navigano sul web

Lo scrive l’Istat. È lo studio 2012 sul rapporto tra gli italiani e il web, ripreso da PMI Servizi. Sull’uso quotidiano che il Bel Paese fa di Internet e delle moderne tecnologie.

Il quadro attuale rimane quello dell’anno scorso: siamo indietro. Poco più della metà dei cittadini dispone di una connessione a Internet, lievemente superiore la percentuale di quanti possiedono un PC. In questo scenario, differenze sostanziali si notano, poi, tra Nord e Sud del paese. Dall’analisi di mercato:

“Le famiglie del Centro-nord che dispongono di un accesso a Internet sono il 58,1%, mentre rappresentano il 51,4% quelle che dispongono di una connessione a banda larga, a fronte del 49,6% e del 41,2% registrati nel Sud”.

Anche le differenze sociali condizionano, nel bene e nel male, l’accesso al web degli italiani.

“Se si confronta la disponibilità di personal computer, di un accesso a Internet e di una connessione a banda larga, il divario tra le famiglie in cui il capofamiglia è un operaio e quelle in cui è un dirigente, un imprenditore o un libero professionista risulta di circa 17 punti percentuali a favore di questi ultimi”.

Quali le motivazioni che spingono i cittadini a rimanere lontani da Internet, almeno a casa?

  • Mancanza di competenze (43,3%)
  • Internet è inutile o non interessante (26,5%)
  • Motivazioni economiche, a causa dell’alto costo degli strumenti o del collegamento (15,8%)
  • Accesso da un altro luogo (13%)

Considerandone le potenzialità e prendendo in esame anche i numeri, di cui spesso si sente parlare, delle altre nazioni europee, la statistica dell’Istat pone l’Italia ancora in coda alla graduatoria europea. Internet non può essere ancora considerato, nel Bel Paese, un punto di forza.

Il report completo, infine, è consultabile sul sito ufficiale dell’Istat.

Scritto il , ultima modifica


Sei membro del forum? Vuoi scrivere anche tu su NEWS Blog gt
Chiedilo a @giorgiotave